Lavorare da casa: pro e contro

I vantaggi offerti dal lavorare nell’ambiente confortevole e rassicurante della nostra casa sono tanti e allettanti e per qualunque tipo di professione che lo consente: liberi professionisti (freelance), blogger, Internet Marketer, ecc. Tuttavia, le condizioni di lavoro che alcuni trovano molto vantaggiose possono essere inadatte per altri: alcune persone, per propria natura, hanno bisogno di seguire regole e metodi prestabiliti (come avviene all’interno di uffici, aziende, ecc.) per essere professionalmente validi ed efficienti. Insomma, per usare un modo di dire molto comune: lavorare da casa è “per molti ma non per tutti”.

(immagine presa da http://www.gazzettadellavoro.com/lavorare-casa-commercio-turismo/37060/)

Sono sempre stata una grande sostenitrice del lavoro da casa e, pur avendo maturato alcune esperienze da dipendente in-house nel corso della mia vita lavorativa, ho scelto consapevolmente di vivere questa condizione professionale.
Oggi voglio parlarvi dei vantaggi che offre il lavorare da casa.

Autonomia
Non esistono superiori tanto meno capo uffici: voi siete il vostro capo, il vostro boss! Siete gli unici responsabili della gestione del vostro lavoro. Inoltre, per quanto possa essere interessante il lavoro in team, non esistono colleghi ai quali adeguare i propri ritmi lavorativi. Siete quindi LIBERI di organizzare i vostri impegni in base al vostro standard di vita personale e non mi sembra poco.

Gestione del tempo
Non esistono vincoli di orari, siete LIBERI di ottimizzare il tempo lavorativo in base alle vostre esigenze economiche, familiari e in base ai vostri desideri. Una volta apprese le nozioni fondamentali del Time Management, sarete in grado di svolgere gli impegni professionali in ordine prioritario, mantenendo sempre il vostro benessere psicofisico e quello dei vostri cari al primo posto.

Livelli di stress ridotti
Lavoro = Stress, sempre e comunque. Tuttavia, lavorare da casa ci consente di concentrare i nostri sforzi, quindi il nostro stress, sullo svolgimento del nostro lavoro. Siete LIBERI da ogni altra fonte di tensione e nervosismo professionale: zero pressioni da parte di un eventuale capo o superiore, nessuna concorrenza sleale da parte di eventuali colleghi, zero frustrazioni causate da ingiustizie o malagestione sul posto di lavoro.

Spese ridotte
Al giorno d’oggi, i costi di organizzazione di un piccolo ufficio domestico sono alla portata di tutti; anche le spese relative al lavoro in rete (adsl, dominio, sito Web, ecc.) sono piuttosto basse. Inoltre, lavorando da casa non esistono tutte quelle spese associate agli spostamenti (benzina e/o trasporto pubblico), allo stare fuori molte ore al giorno (colazioni e pranzi) e, elemento non meno importante, all’”etichetta” imposta da chi di dovere (niente abiti formali e adeguati al posto di lavoro e alla carica ricoperta). Siete LIBERI di mangiare e bere ciò che volete e quando volete, nonché di lavorare in indumenti ultracomodi (perché no, anche in tuta da ginnastica o in pigiama se vi fa piacere!).

Opportunità: moltissime e molteplici
Le attività che si possono svolgere da casa sono innumerevoli, soprattutto da quando la rete, Internet, è diventata parte integrante delle nostre vite: si può svolgere la propria attività con il telelavoro o come freelance, aprire un negozio on-line, diventare un blogger professionista, un Internet Marketer, ecc.; non ci sono limiti, siete LIBERI di seguire sempre le vostre passioni e i vostri interessi. Inoltre, con una buona gestione del vostro tempo (Time Management) siete LIBERI di svolgere anche più di una attività, rendendo ancora più interessante e redditizia la vostra vita professionale.

Attenzione però a non sottovalutare il grande impegno che comunque richiede lo svolgimento di un’attività professionale da casa!
Per essere produttivi ed efficienti, è necessario in primis stabilire e organizzare le proprie modalità di lavoro, ovvero creare uno spazio adeguato, dotarsi della strumentazione necessaria e, soprattutto, autodisciplinarsi ed evitare distrazioni e/o interferenze durante le ore lavorative.

(immagine presa da http://www.liveworknm.org/2010/12/01/featured/hello-world-2/)

Ormai sono molti anni che lavoro da casa, diversificando le mie attività in base alle mie passioni e ai miei interessi, alle competenze acquisite nel corso degli anni, alla mia crescita personale e a eventuali momenti storici particolari (come la crisi globale che attualmente stiamo vivendo).

E voi, quale modalità di lavoro preferite? Lavorate da casa o in un “tipico” posto di lavoro (ufficio, azienda, esercizio commerciale, ecc.)?
Raccontateci la vostra esperienza, come avete elaborato la vostra scelta, i pro e i contro, ecc. e se avete trovato questo articolo interessante e utile condividetelo su Facebook, Twitter e sui vostri Social Network preferiti.

E non dimenticate che lavoriamo per vivere e non viviamo per lavorare! :)

5 comments to Lavorare da casa: pro e contro

  • Iniziare a lavorare da casa mi ha permesso di rinascere: uno spartiacque. La mia vita è cambiata da così a così. Pur lavorando in un ufficio fantastico, sono stata felice come una pupetta per i seguenti cambiamenti:
    – Mai più interruzioni involontarie da parte dei colleghi d’ufficio (che prima cercavo di tamponare con cuffie da ottomilamilioni di decibel);
    – Interruzioni volontarie ridotte al minimo (due o tre telefonate a settimana, al massimo);
    – Nessun impatto del traffico sul mio sistema nervoso;
    – Sveglia a orari non sconvolgenti (lo so che il concetto è relativo 😀 ).

    Lavorando da casa, ho imparato a conoscere la mia produttività (ad esempio, è quasi inutile per me lavorare prima di mezzogiorno – sapendolo, posso prendermela comoda e controllare l’email a intervalli regolari, facendo un po’ di websurfing o portando a spasso il cane).
    Ovviamente, ci sono stati degli scossoni, all’inizio. Ad esempio, la tua casa diventa il tuo ufficio. Leggeresti un libro o vedresti un film, in ufficio? Ovviamente no. Il senso di responsabilità può rappresentare un ostacolo. Per risolvere il problema, all’inizio mettevo queste cose in agenda (non sto scherzando!). E infine, è importante imparare a gestire l’energia in più che ti ritrovi all’improvviso sul groppone, per fare quelle cose che ami fare e che 2 ore di traffico (o di metro, o di pausa pranzo prolungata) ti impedivano di fare 😀

  • […] This post was mentioned on Twitter by Silvana Cinus, Let's Ask Venus. Let's Ask Venus said: Lavorare da casa? Sì può e con successo! I pro e i contro: http://bit.ly/eH0mQm […]

  • Sil

    Dunque, lavorare da casa ha avuto per te, Daniela, un impatto decisamente positivo sulla tua produttività e sulla tua persona. È fantastico, poiché sei soddisfatta delle tue condizioni lavorative e hai migliorato la qualità della vita. Tuttavia, hai accennato ad alcune difficoltà iniziali e alla necessità di avere una buona dose di “autodisciplina” per poter lavorare da casa con successo. Poiché siamo vicine alle date del nostro webinar sul Time Management, mi piacerebbe molto che condividessi con noi qualche dettaglio in più sull’argomento, ad esempio le distrazioni più difficili da evitare e in che modo sei riuscita a vincere su di esse, ecc. Ti aspetto… :)

  • Volentieri!
    Oltre a riuscire a dividere mentalmente le ore di lavoro da quelle di svago, per evitare di lavorare troppo (eh lo so: succede – questo è stato il primo e più importante problema del lavorare a casa), bisogna saper un po’ rieducare se stessi e i propri familiari a una nuova routine.

    Anche vivendo da sola, riuscire a far capire ai miei cari che “no, non è che non lavoro – lavoro come se fossi in ufficio, però sono a casa” non è stato facile. La famiglia tende a farti venire i sensi di colpa per qualsiasi cosa “ma come, vieni a pranzo dai, che fa per un’ora? e un bicchiere di vino non te lo bevi? per favore, da’ un’occhiata alla posta elettronica che non va; puoi accompagnare tuo fratello in piscina alle 3?” e così via.

    Ma dopo un paio di mesi si delinea una nuova routine, fatta di cose anche divertenti.
    Ti verrà da ridere sapere, ad esempio, che ogni sera alle 7 faccio una doccia, mi cambio e mi pettino – qualunque cosa accada, chiunque io incontri, anche se devo rivedere Harry ti presento Sally sul divano col cane, commuovendomi immancabilmente per il discorso finale.
    Il mio pranzo è diventato sacro: cosa e quanto mangio (o non mangio) è completamente sotto il mio controllo e influisce fortemente sul mio benessere psico-fisico.
    Le giornate particolarmente stressanti le termino con un bel bagno caldo.
    Insomma – mi coccolo. Tutto qui 😀

  • Dimenticavo: infine, ho disinstallato Skype ed MSN. Fondamentale!

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.